14 Ore a Natale 

Copertina "14 ore a Natale"

CHE COSA VUOL DIRE EUTANASIA DIGITALE?

Che cosa fanno in Svizzera uno scrittore e un editore alla vigilia di Natale?
Come guarda il tramonto un cane?
Quante domande ancora potreste sopportare?

Meglio quindi accomodarsi in questo soffice delirio e percorrerne le storie, sprofondare nelle allucinazioni, attraversando i piani percettivi.

E poi in fondo, si tratta comunque di parole, e dell’abilità di usarne senza abusarne, o senza essere abusati. Parole che si srotolano sulle immagini, così da prendere peso, oppure da scivolare via lievi, impalpabili.

Quattro interpreti di una trama entropica, di una supercazzola polisensioriale. Alla fine è tutta colpa di un Cane Sciolto.
Però davvero, che cosa significa esattamente EUTANASIA DIGITALE?

E intanto, mancano soltanto 14 ore a Natale

Prenota "14 Ore a Natale"

Il volume è prodotto in tiratura limitata di 196 copie numerate, con stampa a 4 colori su carta patinata opaca. Formato 15x21 112 pagine € 20,00. Spedizione gratuita con piego libro, contributo di spedizione € 3,00 per pacco postale 1 per 1 copia, € 4,00 da 2 a 5 copie.

I volumi saranno spediti dopo il 15.01

Metodo di pagamento preferito tra paypal, bonifico e contrassegno.

Ultimi articoli

25 Dicembre 2019
Otto

Novembre 2017. Federico Scarioni lo conosco da un paio di anni, ma nell’ultimo anno la nostra frequentazione, fatta di telefonate demenziali e dei miei commenti affilati all’editing del suo ultimo prodotto, che è stato pubblicato a settembre da Chinaski, è diventata più assidua. Adesso Cane Sciolto è nelle librerie, e sta andando più che bene, […]

Leggi l'articolo completo
24 Dicembre 2019
Sette

Luglio 2017. Avevo appena dato il "visto si stampi" al mio terzo libro, Cane sciolto, la rock biografia di Omar Pedrini. Ci avevo lavorato 2 anni e gli ultimi mesi erano stati così intensi che tra i collaboratori al progetto c'eravamo detti: "ok, adesso non ci sentiamo né vediamo per 3 mesi". Prendo l'auto e […]

Leggi l'articolo completo
23 Dicembre 2019
Sei

Quanto c’è di reale nella nostra realtà? E che cosa è, o ci sembra, reale? E per percepirlo, siamo disposti a fare piazza pulita dei nostri pregiudizi, o ci facciamo guidare ancora dagli officianti del rito materiale e di quello spirituale? Ci serve più un URL o più un urlo, anche disperato, di quelli fatti […]

Leggi l'articolo completo
22 Dicembre 2019
Cinque

Sappiamo veramente valutare i nostri sentimenti? Ci interessa davvero? L'unica cosa che sappiamo realmente fare è quella di esprimere la nostra inesistenza in ogni nostro minimo gesto di esistenza, soppesando scientificamente le azioni come se queste avessero una reale importanza per qualcuno. Se desideri eliminare ogni traccia di sentimento lasciato erroneamente sul web, non devi […]

Leggi l'articolo completo
21 Dicembre 2019
Quattro

La mediazione sensoriale, il passaggio fondamentale. Ormai non ci fidiamo più dei nostri sistemi di rilevamento della realtà, qualunque cosa essa, in realtà sia. Ormai abbiamo bisogno che un ente terzo, universalmente accreditato, sia in grado di fornirci le sue indicazioni relative alle nostre percezioni. Fa caldo? Fa freddo? Che ore sono? Dove sono? Sono […]

Leggi l'articolo completo
21 Dicembre 2019
Tre

Parole. Cosa sono le parole? Pezzi di dentifricio secco incastrato tra i denti. Carne ammuffita attaccata al palato. Salsa di ketchup scaduta appiccicata in gola. Siete poi così sicuri che le parole vi servano? Notizie, commenti, post, contro post, fake news. Il sistema si basa su parole che non scadono come corpi ibernati. I vostri, […]

Leggi l'articolo completo
19 Dicembre 2019
Due

Siamo talmente assillati, vorrei dire perseguitati, dal concetto di memoria, che uno dei maggiori balzi tecnologici dell’umanità è stata la costruzione di sistemi in grado immagazzinare memoria, con gradi di raffinatezza sempre crescenti, così come la loro complessità. Poco a poco però, quella enorme capacità di elaborazione è stata assorbita quasi totalmente dal puro cazzeggio, […]

Leggi l'articolo completo
18 Dicembre 2019
Uno

Nel Natale del 1999, per "essere", dovevi apparire. Lasciare tracce di te ovunque, dalle TV ai giornali. A Natale del 2019, per "essere", devi scomparire. Hai lasciato tracce di te ovunque sui social network. E ora hai scoperto che qualcuno ti può ricattare. Davvero non lo avevi intuito? Peccato. E ora vuoi scomparire dal web […]

Leggi l'articolo completo
arrow-down